Tip of the Day: SQL Developer su Oracle Cloud

 

photofunny.net__final_213516757683_

 

Mentre cresce l’attesa per l’Incontro DevOps del 1° Aprile a Bologna, ecco un tip estratto dalle oscure ed antiche conoscenze del Malefico Marini, un uomo, un podista, un mito. Di seguito trovate le istruzioni in movimento (configurare il SQL Developer e connetterlo ad Oracle DB Cloud Service) che ho condensato in questo breve Devlet.

Un prerequisito importante è – ovviamente – abilitare il servizio DB su Oracle Compute -> Network, e poi procedere alla configurazione di una nuova connessione su SQL Developer, come indicato nel video.

 

Enjoy 😉

Advertisements

Oracle JET – Deploy on WebLogic

 

2718794

Ecco un’altra DevLet che illustra come effettuare il deployment dell’esempio JET Component Interaction disponibile sul sito Oracle al seguente indirizzo:

http://www.oracle.com/technetwork/developer-tools/jet/downloads/index.html

In breve, ecco i passi da seguire:

  1. Scaricare e scompattare il template scaricato da OTN attraverso il link specificato
  2. Creare un nuovo progetto Maven in Eclipse, con l’archetype di tipo webapp
  3. Configurare il progetto con un Target WebLogic
  4. Aggiungere tutti i file del Template JET nella cartella webapp di Eclipse
  5. Invocare Cthulhu e aspettare la ricostruzione del workspace (3-4 minuti)
  6. Effettuare il “Run on Server” di index.html sul server WebLogic
  7. Profit!

Testato sul PC di MM (il Malefico Marini) e sul mio Mac, con versioni di WebLogic diverse (MM = WLS 12.2.1, Gabba = WLS 12.1.3).

Enjoy 😉

 

Oracle Jet!

Ecco, di seguito, le istruzioni in movimento per effettuare il setup ed il test di Oracle Jet sulla vostra macchina (io ho usato una VM Ubuntu). Non sapete cos’è Oracle Jet? Planate su www.oraclejet.org e avrete tutte le informazioni del caso…

Consiglio di fare il setup in una configurazione di rete  senza proxy, e controllando che tutte le componenti di base (node.js, git, etc.) siano installate, aggiornate e disponibili  😉

Setup di Jet su una VM Ubuntu 15.10:

 

Creazione del progetto Jet:

 

Run!

 

Enjoy Jet 🙂

 

HowTo: da Eclipse a Cloud

A caldo, subito dopo la fine del Codemotion 2016, ecco il resto del walkthrough presentato durante la sessione DevOps, basato sul lavoro pubblicato da Fabrizio Marini su suo blog www.fabriziomarini.com, in cui scrive quando non è occupato a fare maratone, gare di Iron Man o atletica soprannaturale.

Creazione di un Progetto e del Git Repository:

 

Impostazioni SSH tra Developer Cloud Service e Java Cloud Service

 

Creazione di un Progetto Maven su Eclipse e targeting su WLS

 

Connessione a Oracle Cloud e Push to Git

 

Team commit & Build/Deploy su Developer Cloud Service

Enjoy 😉

HowTo: Creazione di un’istanza JCS su Oracle Cloud

Riprendendo la metafora del ‘bonifico’ (una teoria di Luca Postacchini, secondo cui il Cloud è utilizzabile da chiunque sappia fare un bonifico online), ecco il primo Viewlet  Devlet sulla creazione di un’istanza Java Cloud Service su Oracle Cloud. Niente di più facile ;).

In breve:

  • Selezionare la tipologia di servizio (Oracle Java Cloud Service)
  • Selezionare la Billing Frequency (base oraria o mensile)
  • Selezionare la versione di WLS e le sue caratteristiche
  • Immettere i dettagli del servizio (credenziali, DB, load balancer, backup)
  • Confermare le opzioni scelte
  • Invocare Chtulhu
  • Voilà

Ci vediamo al CodeMotion 2016?

Venerdì 18 saremo presenti al Codemotion 2016! Che ne dite di un caffè insieme 😉 ?

A modern DevOps approach: from Developer Cloud to Application Builder

Gabriele Provinciali, Nino Guarnacci

11:20/12:00

Most of the requirements for a modern DevOps approach should include – at least – two disrupting factors: using Cloud resources to gain self-service access to resources and automate the infrastructure setup, and assemble in an easy, intuitive manner an increasing number of building blocks available on the Cloud as services on different Marketplaces. The talk will expand these two concepts showing the step-by-step details required to use and automate the development activities on Cloud environments and how to create engaging applications combining services from multiple sources.

Language: English/Italian

Level: Intermediate

Gabriele Provinciali

Digital Architect – Oracle

Gabriele Provinciali is a Digital Architect in Oracle Italia, and currently working as Technology Advisor in Oracle enterprise accounts, with a specialization on Service Oriented Architectures, Mobile Computing, User Interaction technologies (Portals) and Big Data technologies. Provinciali has a long and proficient experience in the Telco Sector (Ericsson, British Telecom, and Marconi Communications) and in the Information Technology area (Sun, EMC, Silverstream, IONA, BEA, CA, Oracle), focused on the architecture, design and implementation of enterprise software solutions.

 

Go to speaker’s detail

Nino Guarnacci

BDM – Oracle

Business Solution Developer of Internet of Things and Mobile at Oracle. He has been participating at many different developer and solution communities. He has deep expertise in leading teams to develop and execute strategy. Prior to that he led technical teams on many different projects using several enterprise technology standardising the approach and translating it for different markets: Finance, Transportation, Manufacturing. Author for many technical digital news community sites and for the official Oracle blog site. External teacher for many Italian University Master.

 

Go